chiesa e gran sasso.jpg
castello.jpg
AAC_1291.JPG
Lago_di_Pietranzoni (1).jpg
angelo sebastiani1.JPG
GS+CAVALLI.jpg
Foto 22-01-14 13 02 37.jpg
S7300096.JPG
notturna di giuseppe trizzino.jpg
DSCN0423.JPG
Guida_Alpina Selva Bella.jpg
S7300738.JPG
rifugio fonte tavoloni.jpg
CAMPO IMPERATORE.jpg
Lupi-Oasi (136).jpg
Foto orso Stefano Tribuzi.jpg
angelo sebastiani 2.JPG
AAC_8914.JPG
ESTIVO.jpg
foto beatrice 037.jpg
ESTIVO.jpg
DSCN0631.JPG
CAMOSCIO.jpg
DSC_0038.jpg

Ci sono terre dove i sentieri incrociando antichi cammini spirituali risalgono altipiani

e praterie attraversando parchi e aree che proteggono specie selvatiche e fiori delicati.

 

C'è una catena montuosa a cavallo tra due mari, sospesa tra albe e tramonti

e ci sono percorsi che la attraversano lungo i colori delle stagioni.

 

C'è una terra e c'è un sentiero che passa di là, che incontra boschi e acque sorgive

 raggiungendo pievi e romitori e transumanze antiche e nuove...

 

Entra in un rifugio, ti sveliamo dov'è !

 

Venite a conoscere i rifugi dell'arco appenninico: dall'Emilia Romagna alla Toscana fino al Molise attraversando Lazio e Abruzzo! 

 

Scoprirete che i rifugi non sono soltanto accoglienza ma anche presidi culturali, luoghi di incontro e conoscenza della natura, dei prodotti tipici e delle bellezze del territorio, punti di arrivo, di partenza e di passaggio verso diverse realtà territoriali e umane. In fondo basta poco: un timbro, uno zaino, un paio di scarponi e voglia di conoscere; poi...l'Appennino vien girando.

 

Vivere il rifugio, conoscendo i gestori e partecipando alle varie attività, è anche una grande occasione per condividere e rafforzare i valori legati all’ecosostenibilità, al rispetto dell’ambiente e alla conoscenza del territorio e delle persone che lo abitano.

 

L'iniziativa coinvolge i rifugi che si trovano in molteplici Parchi ed Aree protette tra l'Appennino settentrionale e quello centrale

 

Come si partecipa?

E' necessario ritirare il proprio Passpartour presso una delle strutture che partecipano all'iniziativa.

Il Passpartour è un documento personale, su cui far apporre i timbri che attestano il vostro passaggio e il vostro grado di coinvolgimento nelle attività del rifugio.

Per essere valido deve essere compilato con le generalità del titolare.

 

E' possibile diventare amici di un rifugio?

Assolutamente sì! Potrete rendervi disponibili concretamente, condividendo specifiche urgenze del gestore, partecipando alla vita del rifugio.

Sarà sufficiente fare una telefonata prima di salire, offrendosi di portare quel che serve: pane, giornale, alimenti freschi. Piccoli gesti che possono facilitare l'organizzazione della vita in quota e che permetteranno di fare esperienza delle attività quotidiane.

Il Passpartour contiene un’apposita sezione speciale: uno o più timbri in questa sezione permetteranno all'escursionista di fregiarsi della qualifica di Amico del rifugio.

 

Ma é impegnativo?

Tre sono i livelli per i partecipanti, a seconda del numero di timbri ricevuti tra le Alpi Apuane, Appennino tosco-emiliano o in Appennino centrale.

Ogni escursionista deve presentare il proprio Passpartour nei rifugi scelti tra quelli indicati nelle Istruzioni per l'uso, richiedendo il timbro personalizzato e, se lo ha conquistato, quello di Amico del rifugio.

I rifugi applicheranno il classico timbro da sempre presente nelle strutture.

Premi: per ogni livello raggiunto l’escursionista riceverà dei premi: in palio anche week-end per 2 persone presso una delle strutture partecipanti!