chiesa e gran sasso.jpg
castello.jpg
AAC_1291.JPG
Lago_di_Pietranzoni (1).jpg
angelo sebastiani1.JPG
GS+CAVALLI.jpg
Foto 22-01-14 13 02 37.jpg
S7300096.JPG
notturna di giuseppe trizzino.jpg
DSCN0423.JPG
Guida_Alpina Selva Bella.jpg
S7300738.JPG
rifugio fonte tavoloni.jpg
CAMPO IMPERATORE.jpg
Lupi-Oasi (136).jpg
Foto orso Stefano Tribuzi.jpg
angelo sebastiani 2.JPG
AAC_8914.JPG
ESTIVO.jpg
foto beatrice 037.jpg
ESTIVO.jpg
DSCN0631.JPG
CAMOSCIO.jpg
DSC_0038.jpg
  Introduction Program    

Il progetto è un’iniziativa di promozione dell'Appennino per il 2014 e nasce dalla collaborazione tra le associazioni dei gestori di rifugi Tosco-emiliani e dell'Appennino centrale. Si svolge dal 1 giugno al 30 ottobre 2014 nell'asse appenninico di Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Abruzzo e Molise.

 

5 REGIONI COINVOLTE

L'iniziativa tocca numerosi Parchi e diverse aree protette, dall'Appennino settentrionale a quello centrale: i Parchi Nazionali dell'Appennino Tosco Emiliano, del Gran Sasso e dei Monti della Laga, della Maiella, il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise e il Parco dei Monti Sibillini.

Tanti anche i Parchi Regionali: il Parco delle Alpi Apuane, quello dell’Alto Appennino Modenese, del Sirente-Velino e del Frignano, oltre ad alcune Riserve Naturali come l’Orecchiella e l’Orrido di Botri.

 

I RIFUGI: PRESIDI NATURALISTICI, CULTURALI E SOCIALI

Passamontagne mette al centro del programma il rifugio, nel suo nuovo ruolo di presidio culturale e di incontro sociale oltre che naturalistico.

Particolare accento verrà posto sulla conoscenza della cultura gastronomica e dell’arte culinaria attraverso l’inserimento nei menu di ristorazione di piatti della tradizione regionale realizzati con prodotti a km 0, scelti e proposti dai rifugi nonostante le evidenti difficoltà di approvvigionamento.

La formula premiale posta alla base della manifestazione ha la finalità di aumentare il segmento in crescita del turismo-natura (sentieri e rifugi).

 

AMICO DEL RIFUGIO: NON UN SEMPLICE VISITATORE

A differenziare Passamontagne da tutti gli altri giri di rifugi organizzati in Italia è la qualifica Amico del Rifugio che premia tutti gli escursionisti che vorranno vivere il rifugio in un modo nuovo. Affiancarsi al lavoro del gestore con piccoli gesti che incentivano ad affezionarsi al territorio e alle strutture in quota, non come luogo semplicemente da visitare ma come importante presidio da vivere, promuovere, proteggere.

E’ nostro interesse che i visitatori comprendano l'essenza speciale della struttura-rifugio e attraverso l’esperienza diretta del "fare".


VISITARE UN NUMERO MAGGIORE DI RIFUGI

Passamontagne è anche un progetto di sistema dell’accoglienza in quota perché premia coloro che vorranno salire in un numero maggiore di rifugi. Questa modalità impegnerà il partecipante a conoscere lo straordinario paesaggio delle nostre montagne, un percorso di sensibilizzazione alle tematiche contemporanee della tutela ambientale.

 

Questo primo obiettivo, in prospettiva pluriennale, potrà espandersi nelle edizioni future, con formule di maggiore integrazione tra le emergenze ambientali e culturali (centri visita, musei, aziende agropastorali, grotte, geositi, etc.).

 

L'evento si propone di offrire agli escursionisti e ai praticanti del turismo-natura dell'Italia Centrale un nuovo modo di vivere la vacanza a contatto stretto con il territorio nel rispetto dell'ambiente.

Il rifugio, pur mantenendo la sua ragion d'essere nell'accoglienza, oggi si propone anche come presidio culturale, luogo di conoscenza e sensibilizzazione delle realtà territoriali siano esse ambientali, enogastronomiche, sociali, turistiche. Da questi intenti è nato Passamontagne che premia i tour virtuosi connessi ai rifugi degli Appennini. L'iniziativa infatti è centrata intorno a un documento di viaggio personale rilasciato all'escursionista: il Passpartour, su cui verranno attestate con un timbro le visite ai rifugi.

 

Passamontagne potrà includere nel circuito di soste programmate oltre ai rifugi altri punti tappa (musei, alpeggi, strutture con caratteristiche particolari), potrà comprendere bonus e benefit, sconti su cene, pranzi e pernottamenti, soggiorni gratuiti o a prezzi concordati a sorteggio, nei rifugi e negli esercizi ricettivi che aderiscono all'iniziativa e potrà promuovere gratuità, riduzioni o sconti per: ingressi a musei, attività nei rifugi, acquisto di prodotti sostenibili.

Promuoverà eventi e contenuti dei soci delle associazioni e parallelamente temi legati al turismo di qualità: enogastronomia, concorsi di immagini fotografiche o di disegno. Potrà contenere programmi di guide ambientali o iniziative C.A.I., oppure programmi di altre figure professionali ed eventi, manifestazioni di enti o istituzioni.

Ad un ufficio stampa sarà affidata la gestione della comunicazione; previsto inoltre il sito web e pagine sui social network.

 

DETTAGLI

Partecipare a Passamontagne è semplice e per l'escursionista comincia dal ritiro del Passpartour presso il rifugio o la struttura a lui più vicina.

Da questo momento può scegliere i suoi percorsi, in Appennino settentrionale, Apuane o Appennino centrale.

Ogni rifugio apporrà il proprio timbro sul Passpartour, documento strettamente personale, presentato dall'escursionista; due timbri nel caso si aderisca ad Amico del rifugio.

Si diventa Amici dei rifugi con piccoli gesti e semplici attenzioni come condividere specifiche urgenze o partecipare alla vita del rifugio, per esempio chiamando il gestore prima di salire e, sentite le necessità del giorno, facendo posto nello zaino ad alcuni oggetti o alimenti, giornale, pane, verdura, alimenti freschi, o riportando a valle un sacchetto di spazzatura.

All'escursionista che avrà raggiunto un numero di timbri stabilito verrà riconosciuto un premio.